Pandemia o business

I polli siamo noi ...

I polli siamo noi ...

Influenza suina? Evita il contagio, spegni la televisione!

Quali interessi si muovono dietro l’influenza suina A H1N1 ?
Senza voler trarre nessuna conclusione ecco alcuni dati:
Alcuni anni orsono l’influenza aviaria è stata definita la più pericolosa di tutte, fiumi di inchiostro, segnali di allarme, per settimane non si parlò che della terrificante malattia dei polli che doveva provocare nel mondo 7 milioni di morti.
Fortunatamente questa influenza ha provocato fino ad ora solamente 250 morti in tutto il mondo, una media di 25 decessi all’anno.
A quel tempo Roche con il suo antivirale Tamiflu” prescritto per curare o prevenire l’influenza, realizzò grandi profitti.
L”efficacia di questo farmaco è ritenuta dubbia, Altroconsumo scrive:
[ Non ci sono prove sufficienti per dire che oseltamivir (principio attivo di Tamiflu) sia efficace nel prevenire o curare le complicanze della comune influenza, né per consigliarlo in caso di nuova epidemia.]
Leggi l’articolo completo.

vaccinoH1N1

TV, fonte di possibile contagio

Ed ora? Sembra un “deja vu”, alla televisione non si parla d’altro, scene di psicosi collettiva, forse è questa la vera pandemia!
C’è da fidarsi ?
Certo l’influenza suina sta provocando molti morti, però ricordiamoci che ogni anno nel mondo per esempio muoiono:
– 500.000 persone per la comune influenza;
– 2.000.000 di persone per la malaria;
– 2.000.000 di bambini per la dissenteria;

e molti milioni di persone muoiono per il morbillo, la polmonite e altre malattie curabili con farmaci e vaccini a basso costo (e naturalmente basso profitto).
La campagna a favore del il vaccino per l’influenza suina H1N1 è in atto, molti esperti però nutrono dei dubbi.
“Di fronte a un’influenza molto contagiosa ma poco pericolosa, come è quella suina, l’Organizzazione mondiale di sanità, a livello internazionale, e il Ministero della Salute, a livello nazionale, hanno risposto con una campagna vaccinale inutile e poco sicura, che farà arricchire l’industria farmaceutica e metterà a rischio la salute dei cittadini.

Così scrive il dottor Roberto Gava, medico omeopata padovano, specializzato in farmacologia clinica, che da anni studia gli effetti immunitari e clinici dei vaccini.
Nello specifico il vaccino in commercio contro il virus A/H1N1, secondo il dottor Gava, sarebbe totalmente inaffidabile: “sia perché non è stato sufficientemente sperimentato, sia perché la sua efficacia è del tutto teorica, sia perché la sua sicurezza è completamente ipotetica”.
Intanto sembra:
– che fino ad ora solo 3  medici su 10 si sono per ora vaccinati;
– che il contratto di acquisto dei vaccini da parte del Ministero della Salute sembrerebbe essere “sotto segreto di stato”;
– che in Germania politici, componenti dell’esercito e alti funzionari riceveranno un vaccino diverso da quello destinato alla popolazione, e da noi?
– che il virus H1N1 era gia presente in Italia 3 anni orsono in un documento dell’Istituto Superiore di Sanità (rapporto ISTISAN 07/24)07/24) si legge:

“In un monitoraggio virologico eseguito nel periodo compreso tra la 46a settimana del 2006 e la 17a settimana del 2007, sono stati analizzati 1869 campioni, di cui 643 sono risultati positivi  … la stagione è stata contraddistinta dalla contemporanea circolazione di ceppi A/H1,  A/H3 e B … l’analisi antigenica condotta su alcuni ceppi A/H1N1, circolanti in Italia, ha evidenziato una sostanziale omologia con la nuova variante A/Solomon Islands/3/06, inclusa nella composizione del vaccino per la prossima stagione influenzale ..” scarica il documento originale disponibile sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità.

This entry was posted in Salute, Società, Stili di vita and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Pandemia o business

  1. Pingback: Influenza suina? Evita il contagio, spegni la televisione! « Sull'amaca

  2. Pingback: Influenza suina? Evita il contagio, spegni la televisione! « Sull'amaca

  3. Pingback: Influenza suina? Evita il contagio, spegni la televisione! « Sull'amaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.